La ricetta degli gnudi

gnudi

Gli gnudi sono un piatto tipico della cucina toscana che mi è sempre piaciuto molto perché è tanto gustoso quanto veloce da preparare. Praticamente il ripieno dei ravioli ma senza la pasta intorno! Morbidi, gustosi, con quel sughetto di pomodoro di accompagnamento poi… Ma sono buonissimi anche conditi con burro e salvia. Due sono le attenzioni da avere quando si preparano gli gnudi: ricotta e spinaci asciuttissimi, privati di tutta l’acqua in eccesso, e l’infarinatura prima di tuffarli in acqua bollente per evitare che si sfaldino in cottura. Gli gnudi non appartengono alla nostra tradizione gastronomica, eppure li ho sempre amati e cerco di farli ogni volta che posso. Provateli anche voi, l’ispirazione mi è arrivata ovviamente da qui e vi ho apportato qualche modifica.

GLI INGREDIENTI per 4 persone

  • 300 g di erbette cotte e strizzate (metà spinaci e metà bietole io)
  • 300 g di ricotta (meglio se di pecora)
  • un uovo grande o 2 piccole
  • sale e pepe q.b.
  • noce moscata q.b.
  • 3 cucchiai colmi di parmigiano grattugiato
  • farina q.b.
  • sughetto di pomodoro per condire

COME SI FA

Mescolate in una terrina le verdure tritate al coltello e ben strizzate insieme alla ricotta anch’essa molto asciutta, aggiungete l’uovo leggermente sbattuto, regolate di sale, pepe e noce moscata. Aggiungete anche il parmigiano e impastate velocemente per ottenere un composto omogeneo. Portate a ebollizione l’acqua, nel frattempo preparate gli gnudi formando delle palline grandi quanto una noce che poi tufferete subito nella farina. Impanateli bene e teneteli da parte su un vassoio. Lessateli nell’acqua bollente e tirateli via non appena verrano a galla, potrebbe bastare anche un minuto. Conditeli con il sugo di pomodoro, parmigiano, un filo d’olio e servite.

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top